lunedì 20 giugno 2011

Trovato nuovo diario del "Che"


20 giu. Tutti conoscono le gesta di uno dei personaggi più affascinanti e amati del XX secolo, stiamo parlando di Ernesto “Che” Guevara, il famosissimo medico argentino che legò il suo destino a quello di Fidèl Castro e della Rivoluzione cubana del 1959. Oggi, grazie ad alcuni appunti che si pensavano perduti e sono invece stati ritrovati e tradotti, è stato pubblicato un nuovo diario che racconta proprio degli anni della guerriglia a Cuba. I ricercatori che si sono occupati di questo lavoro hanno dovuto impiegare anni per decifrare la scrittura a mano dell’icona rivoluzionaria, ma il frutto del loro lavoro è un diario che parla dei tre anni di guerriglia contro l’allora presidente Fulgencio Batista. Il diario, per l’appunto, offre un resoconto dettagliato e ricco di particolari della guerriglia sulla Sierra Maestra e della marcia effettuata dai rivoluzionari dalla parte meridionale del paese verso L’Havana, senza trascurare anche curiosità e particolari sulla complessa relazione tra il “Che” e Fidèl Castro.

Il nuovo libro è stato edito dal ” Che Guevara Studies Centre”, brillantemente diretto dalla sua vedova, Aleida March, la quale sostiene che con questo ultimo lavoro i lettori potranno realmente affacciarsi dentro la mente del “Che”, apprendendone i timori e le speranze, e comprendendo effettivamente il suo modo di pensare e di relazionarsi con la vita. Alcune delle note contenute nel diario in questione erano state usate da Che Guevara nel suo racconto del 1963 sulla campagna della Sierra Maestra: “Episodi della guerra rivoluzionaria cubana”, ma questi diari non erano mai stati trovati e si credevano perduti. I ricercatori hanno voluto sottolineare che la pubblicazione di queste note scritte a mano è stata ritardata in quanto mancavano alcuni fogli e lo scritto era assai difficile da decifrare.

A distanza di ormai 44 anni dalla morte del “Che” in Bolivia, il suo mito e il suo ricordo sono ancora vivissimi in tutto il mondo, tanto che continua a essere uno dei personaggi più amati dai giovani e dai rivoluzionari. La speranza è che questo nuovo diario possa tenere acceso il dibattito e l’attenzione su un personaggio forse sin troppo famoso e noto per il suo carisma e il suo appeal, e troppo poco conoscuto invece per quanto riguarda il suo pensiero, il suo lavoro, e le sue teorie.

Daniele Cardetta

Nessun commento:

Posta un commento